,

PONTE DELL’IMMACOLATA IN ABRUZZO TRA CULTURA, BORGHI E MERCATINI | DAL 5 ALL’ 8 DICEMBRE 2020

5 DICEMBRE

H.13.00 Ritrovo dei partecipanti al parcheggio DELLO STADIO COMUNALE e partenza per Sulmona

Soste lungo il percorso

H.19.00 Arrivo e sistemazione in hotel nelle camere riservate

H.20.00 Cena con bevande incluse e pernottamento.

6 DICEMBRE

H.07,00 Sveglia e prima colazione in hotel

H.08,00 Partenza per la visita di giornata intera a Sulmona e Scanno

Sulmona, città di origini antichissime è ricca di testimonianze artistiche, diede i natali al poeta Ovidio e fu il luogo dove vennero creati i confetti, in età preromana. Monumenti di eccezionale bellezza sono il Complesso dell’Annunziata (il terremoto che nel 2009 ha colpito l’Abruzzo ha provocato danni alle strutture dell’edificio da far sì che la parte medievale del museo civico sia inagibile, mentre la chiesa è stata riaperta al culto nel dicembre 2012 dopo tre anni di chiusura), la Cattedrale di San Panfilo, Santa Maria della Tomba e l’acquedotto medievale che si estende per circa 100 metri dalla chiesa di Santa Chiara alla Fontana del Vecchio ed è costituito da 21 arcate. Di fronte all’acquedotto è possibile ammirare la grandissima Piazza Maggiore oggi intitolata a Garibaldi, sede del caratteristico mercato del mercoledì e del sabato. Al centro di Piazza XX Settembre è la statua del poeta Ovidio, costruita da Ettore Ferrari ed inaugurata nel 1925. Proseguimento per Scanno passando per Anversa degli Abruzzi e attraversando le spettacolari Gole Del Sagittario. Visiteremo il caratteristico e antico Borgo di Scanno: le sue vie spesso gradonate, dalle quinte in pietra, illeggiadrite da capricciosi portaletti e da finestre settecentesche, testimoniano il periodo di floridezza economica legato all’attività armentaria. Fotografi illustri come Cartier-Bresson, Giacomelli, Scianna, ne hanno immortalato scorci e personaggi. Il più importante monumento è la parrocchiale di S. Maria della Valle, che presenta una facciata ornata da un bel portale romanico; all’interno, notevoli arredi marmorei e lignei, settecenteschi, opera di artisti di Pescocostanzo, e dei Bencivenga, ebanisti di Raiano. Altri pregevoli edifici sacri sono S. Eustachio (con interno barocco), S. Maria delle Grazie (dall’armoniosa decorazione settecentesca a stucco) e S. Antonio da Padova (con portale del tardo Cinquecento e interno barocco, affrescato nei primi decenni del XVIII secolo da Giambattista Gamba. Nei dintorni è da vedere la suggestiva chiesetta della Madonna del Lago, sulle sponde del grande specchio d’acqua che ha preso il nome da Scanno.

Rientro nel tardo pomeriggio in hotel

H.20.00 Cena con bevande incluse e pernottamento in hotel

7 DICEMBRE

H.07,00 sveglia e prima colazione in hotel

H.08.00 partenza per Rivisondoli, passeggiata nel centro storico del Borgo. Proseguimento per Pescocostanzo: paese caratteristico, affollato centro di turismo sia estivo che invernale situato nel Parco Nazionale della Maiella. L’antica Pesclum Constantii ebbe origine nel Medioevo e già nel cinquecento era famosa per il suo artigianato artistico. Oggi si possono ammirare merletti, oggetti in ferro battuto, pietra e oreficeria di grande qualità. Visita della cattedrale e delle tante botteghe. Tempo libero per lo shopping. Trasferimento a Roccaraso, nota località sciistica in cui, nel periodo dell’Immacolata, si potranno trovare diverse bancarelle di artigianato locale e cibo da strada. Tempo libero per il pranzo. Nel primo pomeriggio partenza per Pacentro, dove l’intero centro storico in questo periodo viene allestito per il mercatino di Natale. Il Borgo sorge su una collina a 690 metri di altitudine, sulle pendici delle Montagne del Morrone e all’interno del Parco Nazionale della Majella. La sua storia antica, risalente al VIII secolo, è testimoniata dai suggestivi vicoli, ed è racchiusa tra mura, abitazioni e castelli. Si ha la netta sensazione di passeggiare nel passato quando si incontrano archi antichi, scalette e porticati che collegano le piccole case tra loro

mentre il meraviglioso panorama della Majella che circonda questo caratteristico paesino sembra lo sfondo di un quadro dipinto secoli fa. Il Castello dei Caldora è l’elemento più rilevante di tutta Pacentro. La fortezza, risalente al X secolo, è costruita su base trapezoidale, agli angoli vi sono 3 torri a base quadrata e alcuni bastioni circolari. A Pacentro merita una visita anche la splendida Chiesa Madre S. Maria della Misericordia, cinquecentesca, con la porta originaria intagliata in legno e le tre navate divise da 6 colonne ottagonali e da 4 rettangolari, sempre intagliate in legno

Rientro nel tardo pomeriggio in hotel

h.20.00 cena e pernottamento

8 DICEMBRE

h.08.00 sveglia e prima colazione in hotel

Carico dei bagagli in bus e partenza per Rieti. Pranzo libero

H.13.30 inizio della passeggiata guidata nel centro storico della città

Perla del turismo in Sabina, Rieti propone un territorio, a dir poco, meraviglioso, in cui predomina un delizioso paesaggio naturale. Oltre a ciò Rieti è una meta turisticamente importante per la sua storia, per gli eccellenti esempi di architettura civile, militare e religiosa. Un passato glorioso, in cui spicca, tra l’altro, San Francesco d’Assisi.

Geograficamente, Rieti, oltre che trovarsi nel Lazio, è l’umbilicus Italiae, ovvero il centro geografico d’Italia. Fin dall’antichità, Rieti è stata una città importante, crocevia tra i monti Sabini e quelli Reatini. Ricca di testimonianze risalenti anche all’epoca romana come medievale, Rieti è un vero e proprio gioiello del turismo in Sabina.Dominata dalla cima del Terminillo, Rieti è valutata come l’ideale punto di partenza per ammirare le meraviglie generosamente offerte dalla Sabina, un territorio particolarmente ricco di santuari francescani, fortezze, castelli e stupende oasi naturali protette.
Tra i monumenti e i principali luoghi d’interesse spicca, la Cattedrale basilica di Santa Maria Assunta. Eretta a cavallo del dodicesimo e tredicesimo secolo, propone un affascinante esterno realizzato in stile romanico e un interno contraddistinto da quello barocco. Al suo interno, si trovano varie cappelle risalenti al Settecento e numerose opere scultoree realizzate da importanti artisti, tra i quali Gian Lorenzo Bernini, e una ricca collezione di meravigliosi dipinti.

Altre importanti testimonianze di arte sacra sono la Basilica minore di Sant’Agostino, la Chiesa di San Domenico, la Chiesa di San Francesco e i vari santuari francescani posti lungo la Valle Santa. Troviamo inoltre il Teatro Flavio Vespasiano, il Palazzo Vescovile, noto anche come Palazzo Papale, il Palazzo Comunale, il Palazzo Vincentini, oltre che un infinità di altri stupendi palazzi.

h.17.00 ritrovo e partenza per il rientro a Città di Castello

H.20.30 Arrivo previsto

QUOTA DI PARTECIPAZIONE : 290EURO

(gruppo minimo 25 persone)

SUPPLEMENTO SINGOLA : 80 EURO

Prenotazioni entro il 20 Ottobre con acconto di 150 euro e copia del documento di identità

Saldo entro il 10 novembre

La quota comprende:

  • Bus GT privato andata e ritorno

  • Parcheggi, pedaggi, ztl

  • Sistemazione in hotel 4**** VILLA GIOVINA COUNTRY HOUSE

  • Mezza pensione in hotel

  • Bevande incluse (½ minerale e ¼ vino a persona)

  • Tassa di soggiorno

  • Tutte le visite come da itinerario

  • Guida in Abruzzo ed a Rieti

  • Tutti gli ingressi ove previsti

  • Assicurazione medico -bagaglio

  • Accompagnatore Gente in movimento

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × cinque =